Alla Faccia del Referendum


L’affidamento della gestione integrata dei rifiuti urbani a ERSU SPA sicuramente previsto da tempo dalla nostra amministrazione, ma annunciata a ridosso del cambiamento, non convince il M5S di Montignoso che ha votato contro in consiglio comunale, questa esternalizzazione, visto anche le dichiarazioni del sindaco a mezzo stampa, dimostra il completo fallimento di questa amministrazione e delle precedenti nella gestione dei rifiuti del magazzino , del servizio di raccolta e del conseguente indecoro urbano, cosa che da sempre abbiamo denunciato .

Ersu spa, pur essendo un gestore qualificato, le cui competenze sono riconosciute è stata conferita in Reti ambienti spa, società costituita nel 2011, per lo svolgimento del servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani nell’ambito territoriale ottimale “Toscana Costa”. Spasmodica è la ricerca da parte di questa società per individuare un gestore privato a cui affidare il servizio di smaltimento per i prossimi decenni: un business enorme con un primo bando annullato nel gennaio 2017 e uno nuovo approvato dal consiglio di amministrazione nel marzo 2017.

Su Reti Ambiente la nostra posizione rimane quella coerente all’esito referendario che oltre all’acqua trattava anche gli altri servizi pubblici essenziali, ovvero un gestore unico totalmente pubblico e non privati che daranno le carte e amministreranno il gioco. Ci chiediamo come le forze tipo “Sel e Rifondazione” che hanno sostenuto il referendum possano assecondare oggi queste politiche.

Dai documenti che ci sono stai forniti sulla esternalizzazione montignosina non appare chiaro quanto sarà il costo che questa operazione avrà sulle casse comunali e di conseguenza l’eventuale aggravio o risparmio rispetto al peso attuale della gestione rifiuti, ne’ questo passaggio cruciale passaggio è stato chiarito in commissione. Inoltre qualsiasi conteggio attuale non terrebbe conto che la frazione del cinquale con l’avvio della gestione Ersu, il 1 luglio non avrà la differenziata, e quindi il dato univoco sull’impatto si avrà solo con il gennaio 2018, data con la quale l’amministrazione “ha promesso” in consiglio comunale che tutto il comune avrà lo stesso tipo di raccolta. Sulla stampa il sindaco parla però di uniformità entro il 2018.

Abbiamo chiesto, inoltre, al segretario comunale di verificare tutte le procedure di passaggio del personale e dei beni materiali, per salvaguardare sia i diritti dei lavoratori e sia l’ente, da eventuali problemi che potessero subentrare in futuro. Nei lavori di commissione era emerso che il servizio raccolti rifiuti con Il nuovo gestore Ersu avrebbe portato una piccola rivoluzione in termini di ritiro, dai giorni, agli orari, alla selezione dei rifiuti. Questo passaggio è stato sminuito successivamente dall’assessore Poggi, tramite un sms inviato ad alcuni consiglieri.

Riteniamo comunque grave, considerando che tutto si avvierà immediatamente, in piena stagione estiva, non aver comunicato preventivamente ai cittadini le eventuali variazioni sulla modalità di espletamento del servizio. Ersu ha un’impostazione totalmente diversa sulla differenziata ed era quindi dovere del comune informare tutte le famiglie, gli esercizi commerciali, le attività artigianali e produttive sulle imminenti novità. La totale noncuranza dimostrata è, a nostro avviso, data dalla fretta di chiudere questa operazione e sembra che non si siano valutati gli impatti sul territorio, ne’ di tenere al decoro cittadino.

cinquale bidoni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...