Ad un Anno dalle Elezioni Amministrative Montignoso si Trova a Fare un Primo Bilancio Politico.


La giunta Lorenzetti e’ la continuità politica della precedente a guida Buffoni, vista la composizione quasi speculare.

Delle promesse in campagna elettorale poco e’ rimasto.

Scuole : bocciati. Il cavallo di battaglia dell’attuale sindaco era la nuova scuola del Cinquale, i cui lavori iniziati con cerimonia fastosa in settembre prevedevano la consegna entro 1 anno o poco più.

Dopo 3 mesi dall’inizio dell’opera la ditta che si era aggiudicata l’appalto ha fermato i lavori ed ora l’amministrazione promette ormai da mesi la ripartenza con un nuovo soggetto.

Per ora al posto della scuola c’è’ un buco e nulla più.

Il recupero dell’ex scuola elementare di capanne, per la quale in campagna elettorale si presentavano progetti grandiosi, rimane ancora al palo, e l’edifico versa in condizioni precarie.

Carenti sono le manutenzioni agli altri plessi scolastici.

Piano strutturale: bocciati.

Il piano e’ stato adottato nell’ultimo consiglio comunale dell’amministrazione Buffoni, e da sempre promesso a costo zero.

Lorenzetti in campagna elettorale parlava di approvazione in tempi rapidissimi.

Oggi l’approvazione e’ lontana, con i vincoli stringenti della Regione, motivati dallo studio Castelli sull’elevato rischio idraulico montignosino.

Costo ad oggi oltre 100 mila euro.

Pressione fiscale locale: bocciati. Irpef, Tasi e IMU sono rimaste alle aliquote massime previste dalla legge.

Per la Tari invece l’amministrazione attuale ha ritoccato l’aliquota in aumento.

E’ mancato inoltre un impegno concreto per il recupero dell’evasione delle tasse comunali, che ai dati di marzo forniti dagli uffici preposti ammonterebbe ad oltre 2milioni di euro.

Lorenzetti si era impegnato con i cittadini durante il consiglio comunale del 6 dicembre 2016 al recupero totale delle royalties dovute da Programma Ambiente Apuane spa.

Anche qui nessun risultato.

Coimpre: bocciati.

Il comune di Montignoso e’ creditore di Coimpre per la mancata realizzazione del verde pensile nel comparto per circa 200mila euro.

Lorenzetti, che fu presidente del consorzio anni fa, come sindaco pare non si sia mai attivato per il recupero della somma e a novembre 2016, coimpre e’ fallita.

Lotta al degrado: bocciati. Il territorio montignosino mostra evidenti segni di abbandono un po’ ovunque. Al cinquale la mancata estensione della raccolta differenziata ha portato a situazioni deteriorate, con cumuli di rifiuti che hanno generato le proteste di molti cittadini.

Le Capanne sono abbandonate, un abitato morente dimenticato dalla politica.

Bilancio comunale: bocciati. Continuano i pareri sfavorevoli da parte del revisore dei conti. Le finanze di Montignoso preoccupano, nonostante i tagli pesanti che sono stati fatti dall’estate scorsa alla scuola, ai servizi alla famiglia e sociali.

Per il M5S questo primo anno a guida Lorenzetti e’ da bocciare, non avendo centrato alcun obiettivo, non avendo trovato soluzioni ai problemi del territorio e dei cittadini.

A nostro avviso forti sono le incapacità politiche dimostrate, considerato i risultati deludenti fin qui ottenuti. Bocciati senza appello.

logom5s_new

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...