Disastri e dintorni


baratro1

Le parole dell’assessore Raffaello Gianfranceschi che a mezzo stampa annuncia tagli orizzontali su tutti i servizi, dal nido all’asilo, dagli scuolabus, ai servizi sociali alla raccolta dei rifiuti se lo stato non ridurrà il prelievo per il fondo di solidarietà fra i comuni. Gianfranceschi dice che per il 2016 il comune si e’ salvato per gli incassi straordinari derivanti da una transazione con privati, dimenticandosi che le famiglie Montignosine quest’anno hanno visto aumentare di 100euro il servizio pulmini e di 1 euro pasto la mensa scolastica.

Quest’anno Lorenzetti e la sua giunta hanno fatto tagli per le spese sulla manutenzione di scuole e strade per 157mila euro.

Questa amministrazione poteva scegliere una squadra di assessori piu’ modesta, fermando le nomine a 4, riducendo quindi i costi della politica.

Il M5S ritiene che si debba eliminare ogni spesa inutile che non avvantaggia la collettività, con incarichi inutili.

Prima di procedere con tagli al sociale e alle scuole, una politica illuminata dovrebbe cercare di agire nell’interesse dei propri cittadini procedendo alle spese necessarie, solo tramite affidamenti per bandi e non con affido diretto, garante minimi costi e al contempo garantendo trasparenza nella gestione.

Prima di fare tagli e limitare quindi le spese, un buon politico dovrebbe cercare di incassare i crediti vantati.

Per Montignoso parliamo del credito che il comune vanta verso gaia spa, verso Victor per la gestione del porto canale, verso programma ambiente apuane spa, gestore della discarica di ex cava fornace per le royalties dovute.

E qui il comune di Montignoso sembra meno reattivo.

E’ più facile essere forti con i deboli, come i cittadini che fruiscono di servizi, che essere forti con i potenti.

Comunque l’assessore Gianfranceschi , dovrebbe parlare del bilancio in consiglio comunale prima che sulla stampa, visto che dovrebbe rendicontare ai cittadini nelle sedi appropriate.

Il M5s rileva che ormai da mesi la giunta di Montignoso decide senza consultare e informare il consiglio comunale, interpretando in modo piuttosto particolare il rapporto con i cittadini e le opposizioni.

Non vogliamo essere aggiornati a mezzo stampa, vogliamo che la macchina istituzionale funzioni e che la maggioranza consulti l’opposizione e condivida con essa i problemi.

Lamentiamo un atteggiamento poco democratico, coerente con il governo nazionale che si sente superiore alle regole stabilite.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...