discarica sostanziale (inviato alla stampa locale)


bottici 2 giugnoIl 22 di giugno 2016 il gestore della discarica di ex cava fornace ha presentato una richiesta di variante ritenuta dallo stesso non sostanziale.

La richiesta prevede tra l’altro l’abolizione della limitazione a conferire il 70% di marmettola e inerti contro il 30% di altri rifiuti speciali non pericolosi e RCA, modifiche nella gestione del conferimento dell’amianto , annullamento dell’esclusione dei fanghi di dragaggio di provenienza marina identificati col CER 17 05 06 (la richiesta di includere questo codice era già rifiutata all’azienda in sede di richiesta di VIA e di autorizzazione AIA del 2008), richiesta di deroga per lo scarico in pubblica fognatura dei limiti già accordati.

La ditta Programma Ambiente Apuane Spa asserisce nella sua richiesta che è impensabile che dei provvedimenti amministrativi possano limitare la gestione tecnica ed economica dell’azienda, con prescrizioni sui rifiuti.

A nostro avviso le modifiche richieste da parte del gestore costituiscono una variante sostanziale alle autorizzazioni già concesse, proprio perché alcuni di questi limiti provengono da autorizzazioni precedenti.

Si rende quindi necessario procedere per le vie previste dalla legge, quindi con Valutazione Impatto Ambietale e Valutazione Ambientale strategica, che tenga conto di tutte le criticità dell’area.

Chiediamo a tutte le forze politiche che si sono espresse contro la discarica nella recente campagna elettorale Montignosina di attivarsi preso i propri referenti in Regioni e in Parlamento per chiedere che sia correttamente indirizzato il processo autorizzativo.

Chiediamo a tutti ,da Lorenzetti a Del Freo, dalla Bertocchi a Gabrielli fino al nuovo assessore all’ambiente Poggi, di esprimersi su questa richiesta, e di mantenere le parole espresse meno di 1 mese fa durante la campagna elettorale.

Chiediamo a GAIA chiarimenti sulle richieste di deroghe per il conferimento in fognatura avanzate dalla ditta.

Chiediamo alle forze ambientaliste, che vogliono da sempre proteggere l’area del Lago di Porta di mobilitarsi immediatamente contro questa richiesta scellerata.

Dopo le parole i fatti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...