sensibilità sulle slot


stopDurante l’ultimo consiglio il M5S ha presentato la mozione sugli incentivi per contrastare la diffusione di slot machine presso esercizi pubblici.

Premesso che: la diffusione del gioco d’azzardo ha raggiunto dimensioni preoccupanti anche nel nostro comune ( è sufficiente fare un giro rapido nei locali pubblici per rendersene conto) e che il costo sociale derivante dalle ludopatie è altissimo ( 15 milioni i giocatori abituali, di cui 2 milioni a rischio patologico e circa 800.000 i giocatori già malati).

É già stata presentata, nel corso del 2013 , ma ancora purtroppo non discussa nella idonea commissione,una mozione del MOVIMENTO 5 STELLE, che impegnava l’amministrazione, a mettere in atto campagne informative verso i cittadini al fine di sensibilizzare la popolazione sulle possibili conseguenze del gioco, regolamentare l’utilizzo dei video poker negli esercizi pubblici del territorio e predisporre controlli per garantire il rispetto del regolamento approvato.

Valutato che: un evidente elemento incentivante del fenomeno è rappresentato dalla crescente espansione della presenza di sale slot machine-video lottery nei locali pubblici come bar, tabaccherie e che i dati forniti dall’Amministrazione Autonoma Monopoli di Stato, che per lo Stato Italiano regola e controlla l’intero comparto dei giochi , confermano la grande espansione del gioco d’azzardo in tutte le regioni d’Italia, con 400.000 slot machine e 6.181 punti gioco autorizzati.

I dati confermano una grande diffusione del gioco anche tra gli adolescenti e che le persone più interessate al gioco sono le fasce più deboli e fragili della nostra società, come chi ha un lavoro più precario e chi è in difficoltà nel trovare una propria identità.

Il sistema normativo vigente e di controllo è totalmente insufficiente a disciplinare e a sanzionare situazioni che presentano già enormi costi sociali.

Spesso intorno ai luoghi del gioco d’azzardo si organizza la criminalità dei furti,degli scippi e dell’usura e la grande criminalità organizzata delle mafie.

Considerato che: a oggi l’apertura di sale da gioco è materia dello stato;

che l’installazione di slot machine-video lottery in bar. Ristoranti, tabaccherie, sale scommesse dedicate non è soggetta ad alcun provvedimento autorizzativo comunale;

i Sindaci sono diretti responsabili nei comuni dell’assetto delle funzioni del territorio, della salute dei cittadini, dell’incolumità pubblica quali rappresentanti delle comunità di cui devono curarne gli interessi e promuoverne lo sviluppo;

la dipendenza del gioco è una vera e propria malattia che compromette lo stato di salute fisica e psichica del giocatore, il quale non riuscirà a uscirne da solo.

Il malato di gioco (GAP – Gioco d’azzardo patologico) è cronicamente e progressivamente incapace di resistere all’impulso di giocare e spesso si trova nella condizione di dover chiedere prestiti a usurai o a fonti illegali, oppure di venire arrestato per falsificazione, frode, appropriazione indebita o evasione fiscale mirate a ottenere denaro per poter giocare; a volte giunge alla perdita del posto di lavoro per assenteismo.

Tutto ciò produce sofferenza, difficoltà di relazione anche all’interno della famiglia, litigi e vulnerabilità, fino ad arrivare al suicidio.

Ritenuto che: l’obiettivo di chi amministra una collettività debba essere quello di prevenire o quantomeno ridurre le problematiche relative all’abuso di forme di gioco, che procurano gravi danni economici e sociali, ai singoli cittadini e alla comunità complessivamente intesa;

pur essendo atti meritori e da incrementare, non sia possibile limitarsi alla semplice sensibilizzazione sugli effetti dell’abuso del gioco, ma all’informazione verso i famigliari dei ludopati, e all’educazione al gioco responsabile;

Si impegna il Sindaco e la Giunta Comunale:

· Ad attivare una politica di incentivi fiscali che, attraverso variazioni del regolamento, che premi gli esercenti che si impegnano a non installare slot machine-video lottery nei propri locali, o a rimuovere quelle installate, anche in considerazione delle nuove normative fiscali

· A valutare, in particolare, una riduzione della TASI, per la parte di competenza comunale, agli esercizi che aderiranno alla campagna NO SLOT” , come provvedimento di maggiore utilità nella direzione definita da questa mozione

· Creare un’apposita pagina sul sito web del Comune di Montignoso che segnalerà gli esercizi commerciali aderenti al progetto.

Gli esercizi che aderiranno alla campagna applicheranno sulle proprie vetrine un adesivo riportante la scritta “NO SLOT” “.

nonostante la mozione sia stata già in buona sua parte recepita anche dall’ultima legge della regione Toscana in materia, l’amministrazione Montignosina con la complicità di parte della minoranza l’ha meschinamente bocciata, a dimostrazione della poca sensibilità su un problema sociale che con la crisi ha mostrato ancor di più la sua pericolosità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...