in fondo a destra


retro_stato-400x250La minoranza, composta da Fratelli d’Italia, Lega nord e Forza Italia, nonostante le polemiche e il becero tentativo di entrare sui temi per mera campagna elettorale ,di fatto, durante le votazioni in consiglio comunale è la più valida alleata del Pd di Buffoni.

Non a caso questi signori ricoprono presidenze importanti nelle commissioni consiliari e nei progetti comunali.

Le dinamiche politiche del comune di Montignoso bene rappresentano il futuro partito unico della nazione.

Sulla discarica di ex cava fornace, da sempre il M5s ha sostenuto i cittadini riuniti in comitato contro la riclassificazione fino al ricorso ancora pendente al Consiglio di stato.

Tramite la Senatrice Laura Bottici abbiamo portato all’attenzione del parlamento questo tema e per primi abbiamo richiesto alle province di Massa e Lucca e ai sindaci interessati la sospensione dell’attività del gestore dopo la revoca del certificato antimafia.

Quiriconi, Forza Italia, spalleggiato dai “compagnucci” della Lega e Fratelli d’Italia e da tutta la maggioranza, ha sempre osteggiato le posizioni del M5S quando richiedeva maggiori controlli sull’attività di discarica, arrivando fino ad estromettere il nostro consigliere Lenzetti Paolo dalla commissione di controllo, reintegrato solo dopo il nostro ricorso al consiglio di stato.

I crediti vantati nei confronti del gestore del porticciolo sono stati portati dal M5S all’attenzione dei cittadini da tempo e abbiamo sollevato per primi l’irregolarità della proroga alla concessione alla Victor.

Detta proroga è in scadenza il prossimo 30/06 e riteniamo che come previsto dalla legge il comune di Montignoso farà il bando, al quale la Victor non potrà partecipare senza chiudere il contenzioso in corso.

Per il M5S le responsabilità sullo stato dei lavori incompiuti alla Cittadella dello Sport non sono imputabili eventualmente al solo tecnico, ma anche e soprattutto alle amministrazioni Binaglia e Buffoni che si sono succedute e ai rispettivi assessori ai lavori pubblici che mai hanno denunciati chi non ha portato a termine l’appalto profumatamente pagato.

Per quanto concerne l’affare Coimpre invitiamo Quiriconi e “compagni” a recarsi alla procura della repubblica a denunciare l’illegittimità della concessione rilasciata.

Si prendano quindi la responsabilità di far chiudere tutte le aziende di quel comparto.

Per il verde pensile è stato presentato da un attivista del movimento un ricorso alla corte dei conti per il rispetto della convenzione.

Il M5s non ragiona in termini elettoralistici, ed è da sempre preciso e puntuale sui temi e sui problemi sollevati dalla cittadinanza che a voi da anni ha girato le spalle.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...