La sagra dell’aria fritta


aria fritta

Abbiamo chiesto le dimissioni del sindaco di Montignoso per i ritardi sulla comunicazione delle analisi di ARPAT che evidenziano irregolarità nei rifiuti stoccati nella discarica di ex Cava Fornace e mentre ci attendavamo, con tutti i suoi concittadini, una presa d’atto importante e azioni dei tutela della salute pubblica, Buffoni parla sulla stampa del nulla e non da alcun segnale propositivo sulla questione della discarica.
Ci viene riportato dai presenti che nella citata riunione di Renella tenutasi il 4 marzo gli unici 2 cittadini intervenuti abbiano contestato apertamente il sindaco per l’operato della giunta e, nello specifico, per l’abolizione dell’art. 47Bis che riporterà nella frazione la zona artigianale industriale, dopo che 13 anni di concessioni edilizie e assenza di piano strutturale sulla mobilità hanno reso sempre più caotiche e iperfrequentate le strade intorno al Lago di Porta.
Nessuna folla oceanica che porta tributi e allori a Buffoni, ma sembra che il consenso cominci a mancare e forse qualche poltrona trema.
Buffoni spesso tende a confondere la responsabilità politica con la competenza amministrativa: la discarica di ex Cava Fornace è stata riclassificata come discarica di rifiuti speciali dalla provincia di Massa Carrara, e lui in quel momento rivestiva la carica di assessore all’ambiente. Sulle royalties è stato detto che avrebbero calmierato i danni e compensato la presenza di una discarica sul territorio.
La giunta Buffoni nell’estate scorsa ha concesso uno sconto di 80mila euro all’anno e rateizzato l’arretrato. A nessuna altra azienda del territorio, e a nessun montignosino è stato concesso questo privilegio per l’estinzione dei debiti.
Siamo ancora in attesa di chiarimenti sulle partite di rifiuti non opportunamente caratterizzate, mancanti di parametri riguardanti PCB e diossine riscontrati da ARPAT in discarica, di cui è stata data comunicazione all’Autorità Giudiziaria da parte dello stesso ente.
Siamo preoccupati nell’apprendere da molti abitanti che nel nostro comune sarebbero presenti numerose discariche abusive, con rilascio nell’ambiente di sostanze potenzialmente nocive. Queste discariche spesso sono a cielo aperto e anche in prossimità di falde acquifere. Sarebbe opportuno un competente e immediato sopralluogo e, qualora riscontrata una qualche pericolosità, eseguita un’immediata bonifica.
È intenzione del MoVimento rendere pubblica quanto prima una mappatura di questi luoghi, una sorta di ‘terra dei fuochi’ locale.
Il M5S non fa, né ha mai fatto, sterile polemica o date mezze verità, ma solo rassicurazioni e garanzie sulle procedure e l’operato nell’interesse di tutti i cittadini.
Se qualcuno si sente offeso dal nostro operato si faccia prima un esame di coscienza, se ce l’ha!
Articolo in risposta alle affermazioni del sindaco buffoni su Il Tirreno di Domenica 9 Marzo
ScreenHunter_667 Mar. 11 20.54
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...