Aspettando il piano


calendario
La Petracci, invece che assumersi le proprie responsabilità, preferisce tacciare il MoVimento di essere sterile e strumentale.
L’assessore all’urbanistica di Sel farebbe meglio a spiegarci il perchè le varianti non siano state inserite nel nuovo strumento urbanistico, l’integrare le manifestazioni d’interesse nel Nuovo Piano ci avrebbe fatto risparmiare tempo e soldi.
Secondo i programmi di questa amministrazione il nuovo strumento avrebbe dovuto essere adottato in questa primavera, invece ad oggi è ancora in alto mare, tra l’altro, doveva essere fatto a costo zero, usando le risorse interne del comune e invece per la sua redazione sono già stati dati incarichi esterni e part-time per oltre 17.000 euro.
Ricordiamo, che per i capricci di qualche supporter elettorale e per le lotte intestine, a inizio mandato è stata rigettata dall’amministrazione buffoni anche la variante generale al regolamento urbanistico voluta da Binaglia e costata ai Montignosini oltre 80.000 euro.
La Petracci prenda atto del suo fallimento, di certo l’urbanistica e il contenimento dei costi non sono il suo forte, aspettiamo comunque che ci fornisca i dati su quanti posti di lavoro porterà questa operazione.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...