Contro la scuola-quiz


savona-invalsi-cobas-scuola_DWN
Il MoVimento 5 Stelle di Montignoso promuove l’appello dei Cobas contro le prove invalsi, di seguito pubblichiamo il comunicato stampa e un volantino che spiega l’ennesimo colpo di mano del governo-zombi nel mese di marzo, che ha approvato il gravissimo sistema nazionale  di valutazione.
 
Ricordiamo che sabato prossimo, 27 Aprile alle 15, presso la sede del M5S di Marina di Carrara, ci sarà una riunione con genitori e cittadini interessati proprio sul tema della scuola-quiz e delle iniziative pubbliche che stiamo organizzando nei giorni dello sciopero nazionale contro le prove invalsi nbei giorni 7, 14 e 16 Maggio prossimi.

Comunicato-stampa
Migliaia di firme di docenti, intellettuali, uomini e donne della cultura
contro la scuola-quiz
http://www.cobas-scuola.it/Materiali-scuole/2013/APPELLO-CONTRO-LA-SCUOLA-QUIZ


Verso gli scioperi-antiInvalsi di maggio
Aumenta di ora in ora la valanga di firme all’Appello (vedi www.cobas-scuola.it) lanciato dai Cobas contro la scuola-quiz, l’Invalsi e il Sistema di (S)valutazione. Molte migliaia di docenti della scuola e dell’Università, intellettuali, uomini e donne della cultura e delle arti, interessati alla difesa della qualità dell’istruzione pubblica – tra i/le quali Moni Ovadia, Luciano Canfora, Pietro Barcellona, Romano Luperini, Donatella Della Porta, Angelo D’Orsi, Maria Grazia Campari, Cesare Bermani – lo hanno già sottoscritto. Nell’Appello si sottolinea che “i quiz standardizzati avviliscono il ruolo dei docenti e della didattica, abbassando gravemente la qualità della scuola” e che “l’inserimento di questa tipologia di prova in modo martellante, e collegato alla valutazione dell’efficacia della scuola,  spinge i docenti ad abdicare alla loro primaria funzione intellettuale e a piegarsi all’addestramento ai quiz”. L’Appello invita a lottare contro la scuola-quiz e contro i test Invalsi perchè annullano “le soggettività coinvolte nell’atto pedagogico: ad uno studente privo di pensiero critico corrisponde un docente trasformato in tabulatore sempre più lontano dall’autonomia e dalla libertà d’insegnamento”; e perchè “l’impostazione standardizzata è assolutamente inadeguata a rilevare il grado di preparazione di uno studente, di un aspirante docente, di un aspirante studente universitario, né tanto meno è in grado di dare indicazioni serie sull’efficacia di un docente o di un’istituzione scolastica; non è pensabile che in base a queste prove sia possibile per un docente, per una scuola, per il sistema scolastico generale ottenere indicazioni serie di miglioramento”. L’Appello sottolinea anche quali interessi esterni alla scuola, da parte del sistema economico e politico dominante, spingano “affinché la scuola italiana si adegui alle esigenze del sistema produttivo, che non è interessato a che la scuola miri alla formazione complessiva dei futuri cittadini, ma vuole che addestri una forza lavoro in possesso di competenze generiche e flessibili, capaci di adattarsi alla condizione di precarietà endemica che li aspetta nel mondo del lavoro. Ecco perché i quiz, spesso demenziali, si rivelano pericolosissimi per la libertà d’insegnamento, per la trasmissione del nostro patrimonio culturale alle future generazioni e per la funzione sociale che la scuola italiana fino ad oggi (anche se con molte lacune) ha svolto”.”Pertanto noi uomini e donne di cultura, noi che lavoriamo nei sistemi di istruzione ai vari livelli, noi cittadini sensibili alla funzione decisiva della scuola pubblica nella formazione complessiva dello studente quale futuro cittadino – conclude l’Appello – dichiariamo la nostra ferma contrarietà ai test/quiz standardizzati e all’uso dell’Invalsi come strumento di valutazione dell’istruzione pubblica. E chiediamo ai docenti, agli studenti e a tutti i cittadini interessati a difendere e a migliorare la scuola pubblica di aiutarci a fermare la scuola quiz, il Sistema di (s)valutazione basato sui test Invalsi, l’uso di indovinelli per imporre una scuola miseria, degradata e impoverita per lasciare il posto alla scuola privata e alla mercificazione dell’istruzione e della cultura”. Ricordiamo che, proprio con questi obiettivi, i Cobas hanno convocato lo sciopero generale della scuola il 7 Maggio nelle materne e nelle elementari, il 14 nelle medie e il 16 nelle superiori. Lo sciopero è anche indetto per restituire a docenti ed Ata il salario rubato con il blocco dei contratti e degli scatti di anzianità; per impedire la deportazione dei docenti “inidonei” e l’espulsione degli Ata precari; per l’assunzione  dei precari su tutti i posti disponibili; per dire NO alle prove selettive per entrare a scuola e alle classi-pollaio; per eliminare il monopolio della Casta dei sindacati di Stato ed esigere il diritto di assemblea e di contrattazione per tutti/e. Nelle giornate del 7 e del 16 maggio si svolgeranno manifestazioni ed iniziative cittadine e provinciali.

 

ESECUTIVO PROVINCIALE – COBAS-SCUOLA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...