Dichiarazioni di volto al Consiglio Comunale del 4/04/2012


Indicazione di voto sulla mozione della Lega sul passaggio dei fondi  alla tesoreria unica dello stato.

In merito, alla proposta di ordine del giorno del 29.03.2012 relativa a invitare il sindaco di diffidare l’istituto di credito a cui è affidato il servizio di tesoreria comunale a versare i fondi della stessa alla tesoreria unica dello stato, eprime voto favorevole in quanto.

– Il dl N° 1 del 24.01.2012 è un’ulteriore dimostrazione di come questo governo tecnico senza alcuna madato popolare sia lontano dalle reali e contingenti esigenze amministrative locali.
– Anche l’ANCI nella riunione del suo consiglio nazionale, tenutasi a Napoli in data 29.02.2012 intende promuovere ogni iniziativa di contrasto a tale previsione sostenendo:
l’azione legale in sede civile al fine di ottenere l’accertamento della non sussistenza dell’obbligo, stante anche la manifesta incostituzionalità ( sembra si configuri una violazione delle disposizioni costituzionali, in particolare degli articoli 114, 117,118 e 119 della Costituzione che riconoscono il principio di equiordinazione fra i livelli di governo, piena autonomia nello svolgimento dei poteri e delle funzioni assegnate, nonché autonomia normativa in ordine alla disciplina dell’organizzazione e dello svolgimento delle stesse funzioni. A questo si aggiunge una chiara lesione dei principi contenuti nell’articolo 119 della Costituzione e delle relative norme legislative di attuazione in ordine all’autonomia di entrata e di spesa propria dei Comuni che ha come precondizione organizzativa la piena disponibilità e gestione delle somme liquidi ed esigibili).
Promuove anche la sospensione del trasferimento con provvedimento d’urgenza, stante il pregiudizio a carico del Comune e in considerazione delle eventuali modifiche normative che possono intervenire in sede di conversione del decreto legge.
A tal fine, invita gli organi di vertice del Comune a chiedere al tesoriere di non procedere al trasferimento, a quantificare la giacenza media nella tesoreria comunale delle risorse. A supporto di tale eventuale iniziativa l’ANCI renderà disponibile un ricorso tipo.
La promozione attraverso delibera del Consiglio delle Autonomie locali previsto in ciascuna Regione del ricorso alla Corte costituzionale avverso la norma in questione.

Indicazione di voto su proposta lega nord MU 2×1000 prima casa.

Il nostro voto è favorevole in quanto riteniamo di dover tutelare le famiglie in questo particolare momento economico.

Invitiamo l’amministrazione ad un passaggio in commissione bilancio per illustrarci
le previsioni di gettito IMU in modo da poter verificare la possibilità di riduzione dell’aliquota.
Ricordiamo che l’IMU è prevista anche su terreni/fabbricati agricoli, fabbricati industriali, artigianali, commerciali e terreni edificabili, pertanto è presumibile un grosso gettito in entrata che di certo non ostacolerà la possibilità di mantenere la tassazione IMU sulla prima casa più bassa possibile.

Indicazione di voto avvio di procedimento variante generale piano strutturale e VAS

 Lamentando il fatto, di aver ricevuto la documentazione solo due giorni fà, nei termini di legge, ma con evidente poco tempo a disposizione per poterla analizzare completamente, da una verifica sono risultate parecchie incongruenze, per esempio, dalle tavole che evidenziano la parte attuata del piano in vigore mancano evidenziati i comparti non realizzati nella zona di Debbia e Cervaiolo (comparti 39- 40- 41 ). A nostro avviso con questo atto e con il piano delle alienazioni l’amministrazione dimostra la volontà di perseguire il consumo del territorio e non la sua salvaguardia come vorrebbe dare ad intendere.

Il nostro voto di conseguenza è contrario.

  Indicazioni di voto Piano delle Alienazioni

Il MoVimento 5 stelle di Montignoso è contrario al piano delle alienazioni e valorizzazioni presentato dall’Amministrazione in data 20.03.12 per i seguenti motivi:

Siamo contrari ad ogni alienazione dei beni comuni.

Riteniamo che una seria ed oculata amministrazione non debba finanziarsi a debito in modo eccessivo come è avvenuto nelle precedenti gestioni. L’oculata gestione ci sembra la strada maestra da perseguire con l’eliminazione degli sprechi.

Il residuo attivo con Gaia spa e le mancate entrate delle royalty della discarica di Ex Cava Fornace, rappresentano nel miglior modo possibile l’errore politico ed economico.

Questa pesante eredità oltre ai mutui contratti adesso costringe l’amministrazione a queste alienazioni riducendo notevolmente il patrimonio Comunale.

Con questo piano di fatto si rendono edificabili alcuni terreni destinati a verde eludendo ancora una volta le promesse fatte in merito allo stop al consumo del territorio.

Ci pare infine comunque evidente che i valori attribuiti ai terreni da vendersi siano ben inferiori a quelli del mercato reale.

Di conseguenza voteremo contro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...